Documento Unico di Programmazione 2020-2022

Documento Unico di Programmazione 2020-2022

Il Documento Unico di Programmazione (DUP) rappresenta la massima capacità di previsione finalizzata alla pianificazione politica strategica del nostro Comune.
Il documento si inserisce in una scenario macro-economico generale, in una sostanziale stagnazione dell’economia nazionale e per la nostra municipalità questo documento capita all’inizio di un nuovo percorso amministrativo che ha già dovuto fare delle scelte di gestione difficili, finalizzate a mettere in sicurezza i conti, guardando con grande attenzione la situazione delle anticipazioni di cassa: nonostante tutto crediamo convintamente che faremo quanto necessario per riprendere un percorso virtuoso, capace di riportare l’equilibrio con vantaggi evidenti per l’intera comunità.
In questo scenario, non avendo ancora l’effettiva evidenza che le azioni già poste in essere abbiano, come crediamo, inciso sul fronte del contenimento delle spese e del miglioramento delle entrate e di una fase di anali in corso che riserva spesso spiacevoli sorprese, il DUP sottoposto all’approvazione del Consiglio Comunale non può che tenere conto di queste incertezze ed essere redatto con numeri di evidenza corrente e non prospettica. Nella redazione del bilancio preventivo 2020 avremo un visione più puntuale e coerente con la pianificazione di politica economica.
QUALI SFIDE CI ATTENDONO?
Iniziamo dalla parte istituzionale di gestione dell’Ente, per intenderci gli uffici. Stiamo lavorando ad un efficientamento sia degli orari di lavoro sia dell’apertura al pubblico; ciò permetterà un generale risparmio dei tempi ed una gestione differente dei rapporti diretti con la cittadinanza.
Stiamo lottando contro l’evasione fiscale e con i servizi a domanda individuale non pagati: stiamo accertando a tappeto TASI e TARI; stiamo intervenendo sulle contravvenzioni non pagate, accelerando l’emissione del ruolo e progressivamente non permetteremo l’accesso ai servizi a domanda individuale se risultassero servizi non pagati: è una questione di equità e giustizia verso chi puntualmente paga il dovuto.
Stiamo concludendo il progetto, iniziato ormai più di un anno fa, Controllo di Vicinato: la giunta approverà la convenzione con la Prefettura e verrà costituito un gruppo di volontari finalizzato al presidio territoriale. Sarà rivisitato il piano di sicurezza d’istallazione delle telecamere, oltre al riammodernamento di quelle in essere. Ricordiamo che verrà redatto un piano di sicurezza di Graffignana a cura della Protezione Civile, volto alla messa in sicurezza del paese in caso di eventi straordinari, siano essi di natura meteorologica o determinati da altri fattori.
Sul versante dell’istruzione scolastica saremo impegnati sui bandi che riguardano: il CRED, la mensa, il post-scuola (il contratto in corso è solo per un anno); bisognerà valutare anche il servizio dello scuolabus.
Riprenderà consistenza il progetto di recupero dell’area della Ex Metallurgica che impatterà significativamente sull’area scolastica: dovremo risolvere i problemi collegati all’efficientamento energetico delle centrali di calore della scuola e degli altri stabili comunali.
Sono già partiti gli interventi straordinari per riportare il normale funzionamento degli impianti fotovoltaici (sperando di non trovare guasti più gravi rispetto a quelli attualmente evidenti!).
Saremo impegnati anche nel bando per il centro comunale Spadazze: tenteremo di dare una nuova vita al Centro per la prossima stagione estiva.
Dovremo lavorare sullo strumento urbanistico attraverso un confronto attivo con la Provincia, sembra essere ormai certo che dovrebbe partire l’iter del nuovo PTCP: dovremmo essere capaci di diventare catalizzatori dell’azione dei privati per accelerare la realizzazione dei piani previsti dal PGT anche dell’edilizia convenzionata.
Dovremo rilanciare il territorio attraverso il PLIS (Parco Locale di Interesse Sovracomunale) della Collina, vogliamo che le nostre colline tornino ad esser protagoniste di eventi ed iniziative.
Scadrà quest’anno il contratto dei rifiuti, vista le complessità della nuova normativa che stanno interessando la materia, continueremo con un nuova proroga con Linea Group, con l’idea di essere pronti a metà 2020 a costruire un gara con una visione strategica ampia che permetta obiettivi mirati.
I servizi sociali saranno cruciali e dovranno trovare delle riposte a temi tutt’altro che semplici. La capacità strategica di trovare delle risposte ai minori, agli anziani ed ai disabili cercando l’ottimizzazione delle risorse è un enorme complessità.
Dovremo lavorare per analizzare lo stato di avanzamento del progetto del Centro Polivalente “Cascina Maggiore”, verificandone le eventuali modifiche adattando la scelta ai bisogni futuri della nostra comunità.
Questi progetti probabilmente si spingono oltre la pianificazione triennale del Documento Unico di Programmazione, ma mettono bene in evidenza quali sfide dobbiamo affrontare per riportare la nostra comunità in un percorso di miglioramento dei servizi offerti, con l’idea fissa che si possono raggiungere questi obiettivi in maniera stabile e continuativa soltanto riportando e mantenendo in equilibrio i numeri di bilancio.

error: Content is protected !!