La potenza dell’informazione tecnologica

La potenza dell’informazione tecnologica

Raccontare i primi sei mesi di questo più che mai imprevedibile 2020 è alquanto complicato.
Ci lasciamo alle spalle, speriamo per sempre, momenti difficili, carichi di tensione, stress, ansie e paure.
Per renderci conto del coinvolgimento dei cittadini e della forza dell’informazione attraverso i nuovi mezzi tecnologici basti pensare ad alcuni messaggi pubblicati sui canali social che hanno raggiunto in poche ore oltre 10 mila visualizzazioni: l’inaspettato ed improvviso annullamento della Festa di Carnevale, il Decreto del 3 marzo pubblicato dal Consiglio dei Ministri e il primo bollettino dei primi due contagi nel nostro paese si sono rivelati gli attimi più emotivamente coinvolgenti.
Le disposizioni governative caratterizzeranno anche l’intera estate 2020.
In occasione della Festa Patronale SS. Pietro e Paolo non ci sarà la consueta sfilata di mezzi agricoli, auto e moto d’epoca; nessun torneo sportivo in oratorio scandirà le serate estive e le feste di quartiere ora sono solo un miraggio.
Amministrare un paese in corso di pandemia mondiale è risultato gravoso e complicato: i decreti spesso erano cavillosi e, pertanto, sono stati metabolizzati e offerti alla cittadinanza in modo più chiaro possibile, solo con le informazioni utili e necessarie.
Dalla mattina del 21 febbraio alla fine di maggio il Comune di Graffignana ha pubblicato 220 post via social, affisso oltre 50 cartelli divulgativi nei luoghi di maggior visibilità, contattato gli anziani telefonicamente in occasione della Pasqua e condiviso oltre 100 messaggi di testo via smartphone.
Un percorso lungo e difficile che ci aiuterà ad apprezzare, d’ora in avanti, anche i piccoli gesti quotidiani che la pandemia ci ha negato per qualche mese.
Non sapremo mai realmente se quest’esperienza ci ha reso migliori oppure no, di certo ci ha cambiati.


Davide Bonizzi
Direttore Editoriale

error: Content is protected !!