Bilancio di Previsione 2021

Bilancio di Previsione 2021

INTRODUZIONE

Il documento si muove linearmente con quanto approvato dal Consiglio Comunale nell’ultimo periodo: si prosegue nel programma finalizzato al raggiungimento degli obiettivi di questo mandato amministrativo continuando, con perseveranza, la strada per ristabilire un equilibrio della situazione finanziaria dell’Ente.

Poco meno di due anni fa siamo stati costretti ad un intervento massivo per evitare il baratro del dissesto a cui la situazione ereditata spingeva.
La situazione emergenziale non è terminata e presenta alcuni elementi di fragilità che limitano l’azione amministrativa, ma i dati identificano un soddisfacente controllo dal lato della spesa.

I numeri permettono di sopperire, grazie ad una pianificazione ordinata e precisa, ad una flessione sul lato delle entrate, senza sacrificare il programma. Possiamo dire che la strada imboccata è quella corretta e lentamente sta portando ad un beneficio generale sia sugli equilibri, sia sulla nostra capacità di rimodulazione della spesa.

La situazione pandemica non ha facilitato questo percorso ma le scelte effettuate hanno permesso da un lato di restare vicino alla cittadinanza in un periodo così complesso e difficile e dall’altro di mantenere la barra dritta per raggiungere gli obiettivi del mandato amministrativo.

GESTIONE DELLA PANDEMIA

Lo scorso anno abbiamo investito circa € 150.000 a sostegno della comunità per i temi collegati alla crisi pandemica, suddivisi tra riduzione della TaRi per le attività produttive chiuse durante il lockdown, azzeramento della TOSAP, interventi a sostegno delle famiglie in difficoltà e ristrutturazione degli alloggi comunali di via Veneto.

Inoltre abbiamo investito su strumenti di protezione a servizio della popolazione (sanificatori, termoscanner, mascherine) e sull’annullamento dei costi aggiuntivi per la mensa, dovuti alla riorganizzazione del servizio nel rispetto delle normative anti Covid-19 (costo del pasto invariato agli utenti fino al termine della pandemia grazie al contributo dell’Amministrazione Comunale).

  • 19.200,00 € : sconto Ta.Ri. per 77 attività commerciali;
  • 9.300,00 € : sconto Ta.Ri. per 52 nuclei familiari;
  • 70.000 € : riqualificazione di 3 alloggi comunali in Via Veneto
  • 13.500 € : erogazione dei buoni spesa sociali;
  • 10.000 € : (quota parziale del primo quadrimestre) per mantenere invariate le tariffe del buono pasto a tutti gli studenti nonostante l’aumento del costo del servizio causa Covid-19;
  • 14.000 € : sanificazione degli ambienti pubblici e acquisto di attrezzature dedicate.

SALDI GENERALI

Entrate in parte corrente: 2.223.000 €
Uscite in parte corrente: 2.161.000 €

L’avanzo copre la quota di rimborso dei mutui che ammonta ad un totale
di circa 40.000 €

Entrate tributarie: 1.509.000 € (in linea con l’esercizio 2020)

Entrate extratributarie: 533.000 € (-30.000 € rispetto alle previsioni del 2020: causa Covid molti servizi a domanda individuale sono stati erogati a singhiozzo o addirittura cancellati);

Trasferimenti: 134.000 € (-10.000 € rispetto al 2020, derivante dal venir meno dei trasferimenti di Regione Lombardia per sostegno al diritto allo studio).

Gestione dei pagamenti arretrati: per le sanzioni stradali sono state messe a pre-ruolo le sanzioni 2016 e 2017 e quest’anno andranno messe a pre-ruolo le sanzioni del 2018 e 2019.
Analogo il lavoro sugli arretrati della mensa scolastica: quest’anno presseremo gli utenti che ancora frequentano ed hanno posizioni debitorie.

Attendiamo un miglioramento degli incassi dal fotovoltaico: gli interventi fatti lo scorso anno, sempre considerando l’arrivo del Covid a stagione avanzata, stanno evidenziando un miglioramento della situazione e quest’anno ci permettono di essere ragionevolmente positivi ed attendere un incremento a € 15.000.

PRINCIPALI INTERVENTI

Ci attendono alcune interessanti novità: l’utilizzo di PagoPA, il nuovo sito Comunale, nuova App Comunale e l’adesione all’App IO della Pubblica Amministrazione.
Potenziamento dei servizi digitali interni, in modo da rendere sempre più efficiente e più semplice il lavoro degli uffici.

Investiremo in formazione, per rendere questi cambiamenti meno traumatici.
L’utilizzo di PagoPA coincide con un momento in cui la nostra tesoreria ci ha comunicato che a maggio chiuderà lo sportello locale, spostandolo a Sant’Angelo Lodigiano.
Questo rende il passaggio meno complicato: daremo il necessario supporto alla popolazione con informazioni tempestive e precise sul tema.

È stato potenziato l’Ufficio Tecnico: prevista una dotazione di 10.000 € per permettere la progettazione esterna necessaria a partecipare allo sviluppo di strategie per l’accesso ai bandi, ormai fondamentali per la vita dell’Ente locale.

Invariate le spese per la pubblica sicurezza: 120.000 € circa.
Maggior presenza degli agenti e implementazione del piano telecamere.
Dovremo definire il nuovo piano di sicurezza di Protezione Civile per il nostro territorio.
Andrà a regime il “Controllo di Vicinato” e lavoreremo per una riconquista del territorio, attraverso nuovi servizi di presidio volontari.

Spesa per i servizi scolastici: 536.000 € circa.
Tra le missioni con la dotazione più importante del nostro bilancio, oggi questa è la partita dove forse maggiormente si vive l’impatto dell’effetto della pandemia. Siamo prossimi alla scadenza della convenzione con la scuola dell’infanzia, a cui confermiamo il nostro pieno supporto.

Le spese per le attività culturali sommano a 56.100 €: c’è la speranza di tornare a vivere un minimo di attività sociale.
Aspettiamo i progetti della Biblioteca e le attività di tutte le associazioni del nostro paese, che dopo un anno saranno prontissime a rimettersi in gioco. L’amministrazione sarà sempre pronta a sostenerle perché è grazie a loro se il tessuto sociale si alimenta, fino a diventare Comunità.

Le previsioni di spesa corrente per le attività sportive sono €6.000. è in quest’area che si giocherà la sfida più importante: riportare in attività il Centro Sportivo Spadazze.
Andato deserto il bando per la gestione dello scorso anno, l’Amministrazione Comunale ha deciso che, alle condizioni attuali, l’unico modo per poter permettere il rilancio della struttura sia quello di intervenire direttamente negli investimenti, lasciando al futuro gestore soltanto la gestione.

È uno sforzo importante da 250.000 €, che percorreremo attraverso la partecipazione ai bandi ed una compartecipazione significativa.
Le difficoltà della ripartenza evidenziano ancor di più quanto sia stata scellerata l’azione di chiusura forzata della struttura, non tanto per gli strascichi legali, ma soprattutto per la reale difficoltà nel rimettere in moto una struttura così complessa ed oggi senza abbrivio.

error: Content is protected !!